Sabato 17-10-2015: intera giornata di formazione gratuita sulla rigenerazione dei PC

giornata di formazione gratuita sulla rigenerazione dei RAEE

Per partecipare iscriversi inviando una mail a ecobaleno@gmail.com

NB: Chiunque abbia un proprio pc che vorrà provare a riparare può portarlo con sé!

 

Formazione gratuita sulla rigenerazione dei computer

“Galleria Borghese” Mentana (RM) – piazza Giuseppe Garibaldi

 

Il programma della giornata

10.00
. l’impatto ambientale dei rifiuti elettronici e le pratiche di rigenerazione e riutilizzo come pratica di prevenzione ambientale dal basso.
. breve storia del trashware in Italia, dagli albori ad oggi.

10.30
. processori, ram, dischi e schede di espansione.
. requisiti hardware di diversi sistemi operativi e applicativi.
. smontare e rimontare computer.

12.00
. storia del movimento del software libero.
. le diverse distribuzioni.
. visita panoramica di un sistema linux.
. gli applicativi più diffusi (Libre Office, Firefox, GIMP…)

Pausa pranzo

14.00 Usare Linux:
. Installazioni di Linux e software aggiuntivi

16.00
.Uso di Linux (30 mina)

16.30
.Le basi del problem solving e le risorse per approfondire (1 ora)

 

Docente: Nicolas Denis di Re-ware L’informatica sostenibile

L’evento su FB: https://www.facebook.com/events/983297548379612/

Per iscriversi: ecobaleno@gmail.com

Annunci

Le Regioni dichiarano guerra ai rifiuti, verso un’economia circolare

discaricaOltre il Lazio con i suoi progetti sperimentali di riduzione e riutilizzo dei rifiuti come “Amministrazioni Sostenibili”, anche l’Emilia Romagna dichiara guerra ai rifiuti grazie agli obiettivi di una nuova legge regionale: aumento della raccolta differenziata al 73%, riduzione dei rifiuti urbani pro-capite del 25% e incremento riciclo a quota 70%. L’attenzione si sposta sulla parte a monte del filiera del rifiuto e non quella terminale, affrontando i temi del contrasto allo spreco, della riduzione del rifiuto, della raccolta e dell’industrializzazione del riciclo, del passaggio a un’economia circolare in cui il rifiuto diventa realmente risorsa.

Anche gli Stati Uniti contro lo spreco alimentare e con l’obiettivo di ridurre i rifiuti del 50% entro il 2030

spreco alimentareLo sforzo che viene chiesto agli abitanti degli Stati Uniti da parte del governo mira all’ottenimento di cibo sano per le persone che ne hanno bisogno, protezione per le risorse naturali, riduzione dell’inquinamento ambientale e promozione di approcci innovativi riguardanti il cibo e il suo smaltimento. Per questo, sono stati fissati, per la prima volta, dei parametri sui rifiuti: una riduzione del 50% entro il 2030. Da parte sua, il governo federale garantisce una nuova partnership sia con le organizzazioni benefiche, sia con quelle religiose e con il settore privato e con i locali e le comunità tribali per concorrere al raggiungimento degli obiettivi.

Fonti: www.usda.gov e www.epa.gov

Obiettivo #RifiutiZero

zero waste

Giovedì 8 Ottobre 2015 all’Aranciera di San Sisto in via di Valle delle Camene 11 a Roma, dalle 15 alle 18, ci sarà Obiettivo Rifiuti Zero – Dallo scenario internazionale a quello nazionale, con un tavolo tecnico a cui prenderanno parte studiosi e tecnici di fama internazionale:

  • Capitano Charles Moore, scienziato e scopritore nel 1997 del “continente di plastica”“Great Pacific Garbage Patch”. Fondatore dell’Algalita Marine Research Foundation. Nel 2013 ha pubblicato “L’oceano di plastica” insieme a Cassandra Phillips tradotto in italiano ed edito da Feltrinelli;
  • Paul Connett, professore emerito di chimica ambientale e divulgatore in tutto il mondo del Progetto dei 10 passi Rifiuti Zero;
  • Richard Anthony, presidente della Zero Waste International Alliance;
  • Ruth Abbe, progettista, consulente tra l’altro per il programma Zero Waste della città di Los Angeles e presidente di Zero Waste USA;
  • Tom Wright, esperto di imballaggi e fondatore di Responsible-Packaging.org;
  • Enzo Favoino, Coordinatore Comitato Scientifico Zero Waste Europe.

A seguire Tavola Rotonda:

  • Rick Anthony, Presidente Zero Waste International Alliance
  • Ruth Abbe, Presidente di Zero Waste USA
  • Dante Caserta, Vicepresidente WWF Italia
  • Stefano Ciafani, Vicepresidente Legambiente
  • Raniero Maggini, Presidente Occhio del Riciclone Italia
  • Antonio Conti, Vicepresidente Rete Operatori Nazionali dell’Usato

Food waste 2015

Ridurre lo spreco alimentare significa aumentare la disponibilità di cibo. Per farlo bisogna agire sulle cause: spesa non oculata, cucina sbagliata e scorretta conservazione del cibo. Lo si può fare tramite una corretta educazione alla lotta allo spreco alimentare che dovrebbe iniziare a livello scolastico. A riferirlo è Barbara Paolini, medico nutrizionista presso il Policlinico Le Scotte di Siena e vicesegretario nazionale dell’Associazione italiana dietetica e nutrizione clinica.

Fonte: progetto #gNe expo – servizio e video di Azzurra Giordani

L’Italia dà lezione di compostaggio domestico!

compostCon oltre 20 anni di storia nella raccolta differenziata dell’organico, l’Italia è diventata un “terreno” d’avanguardia. Il primato spetta a Milano, prima metropoli a livello mondiale con il maggior numero di abitanti serviti dalla raccolta dell’umido e, in Italia, con la percentuale complessiva di raccolta differenziata più alta (50,4% alla fine del 2014).
E così a settembre tecnici del settore provenienti da Europa (Germania, Austria, Belgio, Norvegia, Polonia, Lituania, Estonia e Grecia) e America Latina sono stati nel capoluogo lombardo per studiare le eccellenze italiane nel campo dei rifiuti organici, in uno “study tour” organizzato dal Consorzio Italiano Compostatori, in collaborazione con ECN, l’European Compost Network, e la Scuola Agraria del Parco di Monza.

Oltre ai risultati in termini di raccolta, l’Italia ha raggiunto importanti traguardi nel campo della valorizzazione della frazione organica grazie al compostaggio e alla digestione anaerobica, due pratiche che sono diventate ormai lo standard per il trattamento dei rifiuti alimentari nel nostro Paese.

Riguardo al compostaggio domestico il Comune di Mentana ha predisposto l’Albo Comunale dei Compostatori Domestici (qui il modulo per aderire e che dà diritto aduna detrazione fiscale sull’imposta dei rifiuti) e tramite il progetto sperimentale per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti “Amministrazioni Sostenibili” ha realizzato incontri formativi e sarà presente alla 60° edizione della Sagra dell’Uva con dei punti informativi (Ecopoint) sul tema “il rifiuto organico: ritorno alla terra“.

Fonte: Press Play per Consozio Italiano Compostatori.