Compost domestico… in 5 mosse!

Coscompost_fai_da_tea fare con gli scarti del cibo (e non solo)?! Ma il Compost per il vostro giardino o l’orto! Detto anche terricciato, il compost fai-da-te sta diventando una pratica sempre più diffusa. Se volete provarci ma non sapete come iniziare, qui potrete trovare le regole step-by-step per creare un sistema di compostaggio a casa come quello promosso dal Comune di Mentana.

 

Annunci

TARI

TARITARI rappresenta l’acronimo di TAssa/TAriffa RIfiuti, ovvero l’ultima imposta comunale (a livello temporale) istituita con la legge di stabilità 2014. Ha sostituito in ordine: TARES, TIA, TARSU. La TARI a sua volta fa parte della Imposta Unica Comunale (IUC) insieme a TASI e IMU.

Fermo restando la facoltà di ogni Comune di definirne i particolari “numerici” di applicazione, il Comune di Mentana ha già approvato l’Albo dei Compostatori che permette di avere un sconto su questa tassa/tariffa aderendo alla pratica del compostaggio domestico*.

*NdR: riservato a chi ha un giardino o un terreno.

L’Italia dà lezione di compostaggio domestico!

compostCon oltre 20 anni di storia nella raccolta differenziata dell’organico, l’Italia è diventata un “terreno” d’avanguardia. Il primato spetta a Milano, prima metropoli a livello mondiale con il maggior numero di abitanti serviti dalla raccolta dell’umido e, in Italia, con la percentuale complessiva di raccolta differenziata più alta (50,4% alla fine del 2014).
E così a settembre tecnici del settore provenienti da Europa (Germania, Austria, Belgio, Norvegia, Polonia, Lituania, Estonia e Grecia) e America Latina sono stati nel capoluogo lombardo per studiare le eccellenze italiane nel campo dei rifiuti organici, in uno “study tour” organizzato dal Consorzio Italiano Compostatori, in collaborazione con ECN, l’European Compost Network, e la Scuola Agraria del Parco di Monza.

Oltre ai risultati in termini di raccolta, l’Italia ha raggiunto importanti traguardi nel campo della valorizzazione della frazione organica grazie al compostaggio e alla digestione anaerobica, due pratiche che sono diventate ormai lo standard per il trattamento dei rifiuti alimentari nel nostro Paese.

Riguardo al compostaggio domestico il Comune di Mentana ha predisposto l’Albo Comunale dei Compostatori Domestici (qui il modulo per aderire e che dà diritto aduna detrazione fiscale sull’imposta dei rifiuti) e tramite il progetto sperimentale per la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti “Amministrazioni Sostenibili” ha realizzato incontri formativi e sarà presente alla 60° edizione della Sagra dell’Uva con dei punti informativi (Ecopoint) sul tema “il rifiuto organico: ritorno alla terra“.

Fonte: Press Play per Consozio Italiano Compostatori.

Sagra dell’Uva e il problema della frazione “organica”

sagra dell'uva di MentanaIn occasione del 60° anniversario della Sagra dell’Uva il progetto “Amministrazioni sostenibili” con la proposta “il rifiuto organico: ritorno alla terra” si concentra sulla riduzione e il corretto smaltimento della frazione organica in un’ottica di tutela dell’ambiente (naturale e urbano) inteso come bene comune, con la diffusione di buone pratiche, come il decalogo per la riduzione dei rifiuti in casa e in ufficio, e comportamenti virtuosi in un clima conviviale e ludico-pedagogico, perché “nulla è più serio del gioco”, come ricordava il pensatore Gregory Bateson, autore di “Verso un’ecologia della Mente” e “Mente e Natura”.

Gli interventi previsti nei prossimi giorni:

Ecopoint (punti informativi)

  • 2 ottobre 2015 – venerdì – Castelchiodato piazza G. Matteotti:
    Ecopoint dalle ore 10.00 alle 14.00
    Spazio aperto con le associazioni e le realtà di zona che condividono le tematiche ambientali
  • 3 ottobre 2015 – sabato – Piazza C. A. Dalla Chiesa:
    Ecopoint dalle ore 17.00 alle 21.00
    Workshop “cucina senza sprechi” da parte dell’eco-blogger “Miss Critical Kitchen” dalle ore 19.00 alla ore 20.00
  • 4 ottobre 2015 – domenica – Piazza C. A. Dalla Chiesa:
    Ecopoint dalle ore 15.00 alle 19.00
    Spazio aperto con le associazioni e le realtà di zona che condividono le tematiche ambientali

Durante gli Ecopoint, su questo sito e sui social di riferimento sarà promossa una consultazione pubblica per l’acquisto di un totale minimo di n° 10 libri (in formato elettronico o cartaceo) con tema naturalistico, agroalimentare e sulla sostenibilità ambientale a supporto delle azioni già previste per la Biblioteca Comunale.

Gli interventi e le azioni in programma sono stati ideati secondo le linee guida dell’Unione Europea sulla corretta gestione del problema della produzione, conferimento e smaltimento dei rifiuti (in particolare riguardo alla “riduzione” e al “riutilizzo” dei rifiuti) e nel rispetto dei dettami per la gestione di una “ecofesta” suggeriti dalla Provincia di Roma per il punto informativo dedicato (Ecopoint) che costituirà anche buona pratica verso le altre realtà presenti alla manifestazione (secondo modalità “push” e “pull” di indirizzo al cambiamento).

Fonte immagine: piacerediconoscerti.it